Giancristiano Desiderio

Archive for the ‘recensioni’ Category

Cavour in Vaticano

In recensioni on 20 giugno 2011 at 8:39 am

Scusate, ma inizio con una citazione non brevissima: “Vi sono almeno tre ragioni per cui questo piccolo libro è oggi particolarmente interessante. E’ uno dei migliori profili biografici di Cavour. E’ opera di un uomo che fu molto noto e discusso tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, ma è oggi ignorato da quasi tutti i suoi connazionali. Contiene considerazioni ancora attuali sui rapporti fra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica”.

L’autore di queste righe è Sergio Romano e sono tratte dalla sua prefazione a davvero “uno dei migliori profili biografici di Cavour” intitolato semplicemente Camillo di Cavour, pubblicato da Aragno. Ma chi è l’autore del profilo, “uomo molto noto e discusso tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento” ma oggi “ignorato da quasi tutti i suoi connazionali”? Romolo Murri. E chi è Romolo Murri? Leggi il seguito di questo post »

Galimberti e il metodo “copia e incolla”

In recensioni on 6 giugno 2011 at 6:13 pm

Francesco Bucci è l’autore del libro che ha rivelato il metodo copia e incolla di uno dei maggiori filosofi italiani o che, almeno fino a questo momento, tale era considerato: Umberto Galimberti e la mistificazione intellettuale. Teoria e pratica di “copia e incolla” filosofico. Un clamoroso caso di clonazione libraria, pubblicato da Coniglio Editore. Francesco Bucci ha letto e riletto tutti i libri e tutti gli articoli del filosofo de la Repubblica di Scalfari più che quella di Platone e ha fatto una scoperta che, in verità, in molti sospettavano: Galimberti copia. Da chi? Da altri autori ma anche da se stesso: riutilizza quanto ha già scritto, lo modifica, lo cambia, lo adatta e, come dice il titolo del libro di Bucci, clona libri. Il libro di Francesco Bucci, però, non è un semplice confronto che si limita a scoprire le parti copiate. Leggi il seguito di questo post »

Il complotto per uccidere Wojtyla

In recensioni on 29 maggio 2011 at 10:00 am

Piazza San Pietro, 13 maggio 1981, trent’anni fa. Festa della Madonna di Fatima, ore 17.17, il turco Mehmet Ali Agca spara contro Giovanni Paolo II. Il mondo contemporaneo non è più il mondo di tre decenni fa. Ma se papa Wojtyla fosse morto, il mondo non sarebbe il mondo di oggi. Trent’anni fa l’Unione Sovietica era ancora in piedi e il momento del crollo, repentino e inevitabile come poi si è rivelato, non si sospettava. Il mondo era ancora diviso in due come una mela: Est e Ovest, Oriente e Occidente. In questo bipolarismo internazionale il papa giocava un suo ruolo non privo di pericoli: con l’appoggio a Solidarnosc minacciava di scardinare, nel nome della libertà e dell’autodeterminazione dei popoli, gli equilibri politici mondiali sanciti a Yalta. Leggi il seguito di questo post »

Il mappamondo di Margelletti

In recensioni on 29 maggio 2011 at 9:56 am

Se avete un mappamondo a portata di mano potete fare un piccolo esperimento. Provate a far girare il globo e fermatelo a caso ad occhi chiusi. Controllate in che punto della Terra avete messo le mani. In Cina? In Sudamerica? In Medio Oriente? Nei Balcani? In qualunque regione, Stato o popolo sia caduta la vostra scelta casuale, è molto probabile che lì ci sia una guerra o un conflitto interno o una situazione di instabilità. Non solo perché lo “stato di natura” del mondo è più vicino alla guerra che alla pace, ma anche perché il mondo di ieri diviso in blocchi e raffreddato dalla Guerra Fredda non è il mondo di oggi frammentato in aree e tessere di un puzzle in cui regna sovrano il disordine e la “guerra perpetua”. Leggi il seguito di questo post »

Liberali d’Italia, disunitevi

In recensioni on 16 maggio 2011 at 8:55 am

Verrebbe da iniziare con una battuta di chiara ispirazione marxista per render conto di questo agile libretto di Corrado Ocone e Dario Antiseri edito da Rubbettino e intitolato Liberali d’Italia. La battuta? Eccola: liberali d’Italia, unitevi. Ma per far cosa? Per cambiare l’articolo 1 della Costituzione e sostituire la parola “lavoro” con “libertà”? Oppure, all’opposto, per criticare la proposta del deputato Remigio Ceroni che con la scusa della difesa della “centralità del Parlamento” proporrebbe la “tirannia della maggioranza”? Sul Corriere della Sera, ad esempio, Michele Ainis ha non solo criticato ma anche satireggiato l’idea del deputato del Pdl di modificare l’articolo 1 della Carta costituzionale. Leggi il seguito di questo post »

Dimenticare Garibaldi? Prima va conosciuto

In recensioni on 11 maggio 2011 at 1:08 pm

Luca Marcolivio, direttore del settimanale web L’Ottimista, ha scritto il pamphlet Contro Garibaldi edito da Vallecchi nella bella collana Avamposti. Si tratta di un chiaro invito a rileggere la vita avventurosa dell’eroe dei due mondi che per Luca Marcolivio non è affatto un eroe. Il giornalista scrive proprio come se si trovasse in un avamposto e spara palle incatenate contro il mito di Pepìn. L’eroe dei due mondi esce dal libro molto malconcio perché il giornalista non gliene fa passare liscia una che sia una. Tuttavia, più del libro di Marcolivio e del titolo Contro Garibaldi conta qui parlare del sottotitolo che recita “quello che a scuola non vi hanno raccontato”. Infatti, tutto quanto in questo libro c’è scritto di male e di peggio su Giuseppe Garibaldi non viene mai detto a scuola. Leggi il seguito di questo post »

Il terronismo risentito

In recensioni on 26 aprile 2011 at 3:43 pm

C’è un aspetto del nuovo libro di Marco Demarco  – Terronismo, edito da Rizzoli –  che vale la pena mettere in luce: il risentimento. Il Mezzogiorno risponde in tre modi alla sfida con il Nord e la modernità: la reazione razzista, la reazione orgogliosa, la reazione nostalgica. Leggi il seguito di questo post »